Legacy (il lascito): le orme che lasciamo sul nostro cammino.

15338669_10211312857248229_1558709588416546626_n

E’ successo domenica scorsa, ma ce ne siamo accorti solo mentre rivedevamo i video della partita; si tratta di uno di quei piccoli dettagli che nascondono un significato profondo.

Siamo sul 48 a 12, quarto ed ultimo periodo di gioco, il tempo scorre veloce a seguito della Mercy Rule; in campo c’è l’attacco biancoceleste guidato dal giovane Tommaso Spina, classe 1999, colui che la prossima stagione dovrà raccogliere la pesante eredità di Giovanni Biancolella, quarterback e leader dei Marines U19; accanto a lui molti ragazzi che hanno giocato meno in stagione.

Quarto tentativo ad una sola yard dal touchdown, coach Scoppetta chiama timeout per disporre al meglio in campo la formazione e permettere ai suoi di entrare in meta e dimostrare ancora una volta il proprio valore.

Ed è qui che accade: ai Marines in huddle in campo viene portata l’acqua. Niente di particolare, se non fosse che i due “waterboys” sono Giovanni Biancolella e Michael Abera, che di corsa portano le borracce e distribuiscono pacche ed incoraggiamenti.

Poi i due tornano in sideline; l’huddle si scioglie, Tommaso Spina chiama la cadenza e la palla va nelle mani di Alessandro Vata che segna con una corsa di potenza.

15167482_10211079539575433_6246895547036779340_o
(Biancolella #13 – Abera #6)

Quando i “più bravi” fanno ciò che va fatto quando deve essere fatto, siamo in presenza di un momento illuminante: il cammino è quello giusto, stiamo creando una società migliore.

Se i nostri giovani iniziano a comprendere il valore dei gesti, anche quelli più semplici, e prendono in mano il compito di ribadire i valori fondanti dello stare insieme, il mondo presto sarà migliore.

Noi Marines crediamo fortemente in tutto questo; quando parliamo di leadership, integrità, coraggio, coerenza, lo facciamo con il cuore.

Quando parli con il cuore, il messaggio arriva a destinazione.

Nel football, così simile alla vita, il cammino è ciò che importa, quello che lasciamo dietro perché altri possano trarne utili lezioni, il nostro “lascito”, la Legacy.

Un certo giorno la carriera di un giocatore terminerà, la destinazione è sempre nota; ma la sua divisa passerà indosso ad un compagno, che sta compiendo ancora il suo viaggio.

“Lasciare la maglia in uno stato migliore di quando la si è presa”; un paradosso, un koan zen che racchiude il segreto delle nostre fatiche, sofferenze, privazioni.

Legacy!

Fight On!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...